Disintegrare le nozioni umane dietro agli attaccamenti

Dopo essere stato rilasciato dalla prigione, ho letto lo Zhuan Falun più e più volte e alla fine sono riuscito a memorizzare il Lunyu. Con il tempo, ho avuto la sensazione che ogni parola sia diretta alla disintegrazione delle nostre nozioni umane ordinarie. Solo quando siamo in grado di cambiare fondamentalmente i nostri pensieri possiamo assimilarci veramente allo standard della Fa.

Quando una persona nasce, deve capire come funziona il mondo, conoscere i suoi genitori e gradualmente imparare a gestirsi in questo nuovo ambiente della scuola e del lavoro. Dopo aver conosciuto questo mondo, la sua vita sarà finita e si reincarnerà in un altro mondo. Con il dispiegarsi di questo processo, ciascuna vita forma i propri interessi e standard di comportamento. Noi praticanti, dobbiamo affrontare il fatto che le nozioni che accumuliamo sono state predisposte in accordo con gli standard del vecchio universo. Queste nozioni influenzano le nostre parole e le nostre azioni, e gradualmente formiamo degli attaccamenti. Viviamo le nostre vite guidati dai nostri attaccamenti, e ci dimentichiamo la nostra vera natura. Queste nozioni formano la base per ogni cosa che facciamo, e noi perdiamo contatto con i veri noi stessi. Quando una persona è toccata da qualcosa, è causato dagli attaccamenti sviluppati da queste nozioni. Per restare impassibili di fronte alle cose del mondo umano, dobbiamo liberarci dei nostri attaccamenti. Per fare questo, dobbiamo prima di tutto riconoscere le nozioni che stanno dietro agli attaccamenti. Assimilandoci alla Fa, siamo in grado di riconnetterci con i nostri veri sé, e di abbandonare alcune nozioni che abbiamo accumulato dopo la nascita.

Ad esempio una persona potrebbe essere motivata a fare bene nella società perchè è attaccata ad accumulare ricchezze. L'attaccamento di una persona a vivere bene viene dalla sua nozione che i beni materiali possono portare la felicità. Per perdere questo attaccamento, è necessario elevare il proprio pensiero e realizzare che le proprietà mondane non vengono con voi dopo la morte; sono semplicemente il risultato di avere virtù e di essere destinati a certe posizioni nella società umana ordinaria. Cambiando in questo modo il proprio modo di pensare, una persona può lentamente abbandonare il suo attaccamento al denaro e non essere più toccata da esso. Sotto il dominio del Partito Comunista Cinese (PCC) e le loro idee di lotta di classe e violenza, i cinesi hanno conosciuto il partito come spietato, terrificante, e qualcosa che non può essere superato. Queste nozioni producono l'attaccamento della paura. Questa paura del PCC causa grandi interferenze ai praticanti quando convalidano la Fa. Indeboliscono i nostri pensieri retti, rendono il nostro pensiero impuro, e come risultato c'è la persecuzione. La persecuzione, per contro, intensifica le nostre nozioni sul PCC e rafforza ancora di più questo attaccamento. Alcuni praticanti, dopo essere stati torturati e rilasciati dalla prigione, possono essere incapaci di superare la paura e trovano scuse per rilassarsi e per non progredire diligentemente nella coltivazione. Se avessero agito come praticanti quando la persecuzione aveva luogo e avessero compreso il loro attaccamento di paura, sarebbero stati capaci di cambiare le loro nozioni e di vedere la tortura come un tentativo di spaventarli.

Nel mio caso, quando le guardie improvvisamente mi misero in confino solitario, compresi che era tempo che mi guardassi dentro. In quel momento, sono stato capace di vedere me stesso come un praticante e di correggere il mio pensiero. Ho corretto il mio pensiero in modo da non avere paura, e non ho provato risentimento verso nessuno, né ansia per ciò che stava per accadere. Ho ragionato con le otto guardie. Quando hanno ordinato ad altri due prigionieri di mettermi la camicia di forza, ho resistito e ho detto loro che quello non era il mio posto. Venti minuti dopo, hanno rinunciato dicendo, “Dimenticatelo, torna nella tua cella”. L'illusione della paura era scomparsa.

Poi mi sono rifiutato di farmi fotografare e di farme prelevare il sangue. Sette poliziotti sono venuti verso di me con i bastoni elettrici tra le mani. Diversi praticanti mi tenevano già. Ho pensato a me stesso, “Quando esseri umani osano trattare un essere divino in questo modo, sicuramente sono manipolati dal male in altre dimensioni. Mi rifiuto di riconoscere questa prova; non sono qualificati per mettermi alla prova”. Non appena sono stato in grado di realizzare l'illusione che aveva creato questa situazione, la paura in me è scomparsa. Ho chiuso gli occhi e mi sono rifiutato di farmi fotografare. Ho inviato pensieri retti e ho chiesto l'aiuto del Maestro. Improvvisamente il mio braccio sinistro è diventato intorpidito. Ho aperto gli occhi e ho visto un bastone elettrico che mi colpiva. Le guardie mi guardavano increduli, perchè non avevo avuto la minima reazione allo shock elettrico. Ho detto loro con calma, “Colpirmi con un bastone elettrico è un atto fascista, e voi dovrete risponderne”. Mi stavano ancora guardando, impressionati. Mi sono divincolato per liberarmi dalle mani dei prigionieri e ho lasciato la stanza.

Non è la persecuzione in sé ad averci resi maturi. È solo che noi siamo in grado di considerarci dei praticanti, e di seguire le parole del Maestro. Questo richiede che eleviamo il nostro pensiero e che cambiamo le nostre nozioni del passato. Dovremmo comprendere che la persecuzione è rivolta contro i coltivatori e non contro le persone comuni. Nel fare questo, possiamo lasciare andare il nostro attaccamento di paura e superare la prova mentre convalidiamo la Fa. Avendo compreso la Fa per mezzo della Fa, siamo maturati come praticanti e non ci comportiamo più come persone comuni.

Sotto la minaccia della tortura, sono stato in grado di ricordare le parole del Maestro nello Zhuan Falun,

“Esiste un altro stato di coltivazione: voi continuate a rimanere seduti per lungo tempo e poi scoprite che le gambe non ci sono più, e non riuscite a capire dove sono andate a finire, e il vostro intero corpo è scomparso, anche le braccia, e le mani sono scomparse; non è rimasta che la testa. Proseguendo ancora la meditazione, scoprirete che anche la testa è scomparsa: non è rimasta che la mente - è rimasta solo una leggera consapevolezza che si sta coltivando. Raggiungere questo stato è più che buono”

Avevo un unico desiderio nel mio cuore: lasciare andare fama, interesse personale e emozione, e ogni altra nozione che avesse a che fare con la vita e la morte nel mondo umano. Mi sono rifiutato di collaborare con qualsiasi cosa che i poliziotti, i supervisori, le autorità locali e l'Ufficio 610, e altri esperti mi hanno chiesto di pensare e fare. Avevo solo un pensiero in mente: “Credere nel Maestro e nella Fa”. Ogni giorno in prigione, memorizzavo la Fa, inviavo pensieri retti e chiarivo i fatti alle guardie e ai detenuti. Pochi mesi dopo, nessuno dei loro metodi di tortura aveva funzionato con me. Mi sono liberato di molte interferenze e le guardie mi dicevano, “Ti lasceremo da solo d'ora in poi”.

Le vecchie forze hanno predisposto il pensiero che considera la persecuzione come un affare umano ordinario, quando di fatto questa è solo una trappola per impedirci di riconoscere la persecuzione per quello che è e di negarla fondamentalmente.

Subito dopo essere stato arrestato, ho pensato, “Le vecchie forze sono riuscite a trarre vantaggio dalle mie omissioni, ma non tradirò mai i miei amici praticanti”. Volevo sobbarcarmi tutto come un martire, ma in realtà avevo dimenticato chi ero. Vedevo la persecuzione come persone che facevano del male a altre persone. Quando ho subìto un processo, mi sono sentito indifeso. Ma questo solo a causa della mia mancanza di pensieri retti. Non stavo pensando alla mia sacra missione di salvare esseri senzienti, e non ero capace di rifiutare i cosiddetti crimini di cui mi accusavano con assoluta fiducia. Passivamente mi rifiutavo di seguire i loro ordini, ma il mio cuore si era arreso. Quando sono stato messo in prigione, una guardia mi ha chiesto tre volte, “Quando pensi che riuscirai ad uscire da qui?” L'ultima volta che me lo ha chiesto, ho risposto, “Sarò rilasciato quando la mia pena di sei anni sarà conclusa. Le cose andranno come devono”. La guardia ha risposto arrabbiata, “Com'è che hai tanta fiducia in te stesso?” Ora comprendo che il Maestro mi stava dando un suggerimento attraverso le parole della guardia.

Tutti noi abbiamo nozioni umane con le quali dobbiamo lottare, ma la cosa importante è essere consapevoli di esse e non riconoscere le predisposizioni delle vecchie forze. Alcune delle nostre motivazioni sono nascoste così bene che non comprendiamo quanto possono controllare i nostri pensieri e le nostre azioni. In superficie possiamo non riconoscere la persecuzione, ma nel profondo possiamo ancora agire in accordo con le sue predisposizioni. È proprio a causa di queste nozioni che il male può perseguitare i praticanti.

Per interrompere il bollore dell'acqua in una pentola, bisogna togliere il fuoco sotto la pentola. Aggiungere altra acqua fredda nella pentola può solo interrompere il bollore temporaneamente. Le nostre nozioni agiscono come il fuoco. L'acqua può solo bollire quando è riscaldata dal fuoco. Continuare a protestare contro la persecuzione con una mentalità umana è come continuare ad aggiungere acqua fredda – non cambierà fondamentalmente la situazione. L'unico modo è rimuovere il fuoco, e rimuovere fondamentalmente le nozioni umane e rimpiazzarle con pensieri retti basati sulla Fa. Solo in questo modo possiamo spezzare tutti gli attaccamenti e negare la persecuzione alla fonte.

Versione inglese: http://www.clearwisdom.net/html/articles/2011/11/30/129766.html
Articolo cinese: http://www.minghui.org/mh/articles/2011/10/23/解体执着背后的观念-248183.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.